La plastica: chi la getta a terra e chi la ricicla

Nei  nostri lavori di homeschooling riferiti all’ecologia assieme ad Isabel, abbiamo affrontato il tema dei rifiuti inquinanti varie volte, una vera educazione ambientale per tutta la famiglia, nessuno escluso.

Io stesso, su richiesta di Isabel, da mesi mi impegno a non gettare mozziconi di sigarette a terra e ciò avviene: un piccolo passo sociale per noi, sperando che in Asia aumenti velocemente il senso civico ed educativo nel non gettare sempre tutto e comunque a terra.

Continua a leggere La plastica: chi la getta a terra e chi la ricicla

Annunci

26 dicembre 2004 una data che l’Asia e il mondo non scorderanno mai

La nostra vacanza in Sumatra si chiude con la visita di un paio di giorni della città capoluogo della Provincia di Aceh, Banda Aceh, l’avamposto settentrionale di Sumatra per quanto il km. 0 dell’isola, e di tutta l’Indonesia, sia invece Iboih sull’isola di Pulau Weh.

Consideriamo però Banda come la punta settentrionale di Sumatra: l’isola che ci ha donato otto giorni di relax e tante emozioni sotto il pelo dell’acqua è a una sola ora di traghetto.

Continua a leggere 26 dicembre 2004 una data che l’Asia e il mondo non scorderanno mai

Lo snorkeling in Ibohi

Questo post potrebbe esistere senza nessun’altra parola: le immagini parlano da sole e solamente il ricordo delle migliaia di pesci avvistabili già nei primi metri di coral reef adiacente la spiaggia, per poi essere ricercate le specie più rare nuotando sul filo dell’acqua limpidissima, basterebbero a commentare un post che si alimenta delle fotografie.

Continua a leggere Lo snorkeling in Ibohi

Una piccola, lunga escursione sul Toba

Il terzo giorno sul lago, rilassati dalla dolce armonia dell’ambiente con il suo paesaggio, definitivamente conquistati dall’amorevole carattere della popolazione Batak (ricordate il rappresentante più illustre, nato in Belgio ma di padre con natali sul Toba, il centrocampista belga-indonesiano della Roma Radja Nainggolan), decidiamo di percorrere un sentiero che si snoda sulle colline adiacenti Tuk Tuk che già abiamo notato il giorno precedente.

E’ un’antica caldera ora estinta, una delle ‘micce’ di quella bomba geologica che fu il Toba 70-78000 anni fa quando con la sua esplosione mutò clima e fauna della Terra, ricordiamolo ancora una volta, LA PIU’ GRANDE ESPLOSIONE CHE IL PIANETA RICORDI NEGLI ULTIMI 500.000 ANNI!

Continua a leggere Una piccola, lunga escursione sul Toba

Lezioni di ecologia in terra cambogiana

Il sistema scolastico di nostra figlia Isabel, è attualmente un ibrido tra l’home schooling del mattino (nel quale, assieme a lei, studiamo le classiche materie del programma ministeriale italiano) e la frequenza pomeridiana nella Peppercorn  School.

 

DSCN0192

La Peppercorn è una scuola internazionale privata, gestita da uno staff australiano, anglosassone, canadese, nella quale Isabel apprende l’inglese frequentando lezioni creative e divertenti come informatica, arte, danza, musica, jujitsu e circo.

Continua a leggere Lezioni di ecologia in terra cambogiana

Una visita alla pagoda Wat Traeuy Kaoh sull’isola dei pescatori di Kampot

Chiamata anche ‘Fisherman’s Island’, l’isola dei pescatori è una vera isola circondata dal fiume Preaek Tuek Chhu, che proprio in quel punto si congiunge con un fiume affluente determinando la divisione della terra e la formazione dell’isola.

L’isola dei pescatori si raggiunge facilmente anche in bicicletta: passeggiando sulla riverside di Kampot, basta attraversare l’Old Bridge, dopodiché, al secondo incrocio, svoltare a sinistra sino al ponte il quale congiunge l’isola con il resto del territorio di Kampot.

Continua a leggere Una visita alla pagoda Wat Traeuy Kaoh sull’isola dei pescatori di Kampot

Il team Om Sweet Home si concede un giorno di relax a Kep

https://omsweethomerooms.wordpress.com/

L’attività del nostro piccolo Bed & Breakfast prosegue a gonfie vele: tanti ospiti da ogni parte del mondo e tante storie da narrare riguardo ognuno di loro, ma non le narreremo, apparterranno per sempre ai ricordi di questa esperienza, di questo nostro modo di concepire il B&B come espressione della nostra emilianità, onesta e solare, fornendo servizi ma anche cercandoci gli spazi per esistere.

Continua a leggere Il team Om Sweet Home si concede un giorno di relax a Kep