Il secondo giorno di Saigon: l’ufficio delle poste, il mercatino dei libri, l’Hotel Continental

Saigon , per noi Ho Chi Minh City avrà sempre il suo nome originale, troppi retaggi western riferiti agli anni dello scontro bellico tra americani e i famigerati ‘musi gialli’ cong, a cui il tempo ha comunque dato la dignità di difendere un’idea che si è rivelata vincente a livello sociale ed economico in questo strano paese dove commercio e comunismo marxista si sommano in un mix economicamente moderno.

Continua a leggere Il secondo giorno di Saigon: l’ufficio delle poste, il mercatino dei libri, l’Hotel Continental

Annunci

Il primo giorno ad Ho Chi Minh City: Palazzo della Riunificazione e mercato di Ben Thenh

Sveglia di buonora, ma non troppo, e la colazione nella bella breakfast room del nostro albergo ci attende: non saranno mai le colazioni che solitamente noi prepariamo ai nostri ospiti, ma noi puntiamo molto in Om Sweet Home a concedere un risveglio a tavola di ottimo livello, il target asiatico è diverso ma nel Blue River Hotel 1, pancake, omelette o uova strapazzate, sono di ottima qualità accompagnate da tè, caffè con latte, succo di limone o d’arancia, pane.

DSC_3891
All’uscita dal nostro Hotel

Inizia così la nostra prima giornata a spasso tra le vie di Saigon: la nostra meta sarà il Palazzo della Riunificazione, sperando di assistere ad una parata militare festeggiante il giorno dell’Indipendenza, cosa che non è avvenuta (forse gli orari non coincidevano con quelli della nostra presenza, forse non è la sede della parata, magari organizzata nella capitale, Hanoi). In ogni caso entriamo nel Palazzo, elegante costruzione ideata sulla figura di un ideogramma che in lingua vietnamita, prima della scelta dell’alfabeto occidentale, aveva il significato di fortuna.

Continua a leggere Il primo giorno ad Ho Chi Minh City: Palazzo della Riunificazione e mercato di Ben Thenh

Da Kampot al Vietnam per una piccola, meravigliosa vacanza

In Cambogia inizia la ‘low season’, quel periodo che, almeno per noi che viviamo sulla costa del Golfo di Thailandia, significa poca affluenza turistica; forse al nord, a Siem Reap, la città del meraviglioso sito archeologico di Angkor Wat, il turismo di massa arriva ugualmente, attirato da un complesso archeologico meraviglioso, per alcuni aspetti ancora misterioso, antico, il quale ha pochi rivali al mondo.

Non qui, a Kampot, quindi, dopo un mese di piogge spesso ininterrotte, approfittando dello scarso afflusso di turisti, decidiamo di chiudere il nostro B&B, Om Sweet Home, per concederci una meritata vacanza.

Destinazione … Vietnam!

Continua a leggere Da Kampot al Vietnam per una piccola, meravigliosa vacanza

La plastica: chi la getta a terra e chi la ricicla

Nei  nostri lavori di homeschooling riferiti all’ecologia assieme ad Isabel, abbiamo affrontato il tema dei rifiuti inquinanti varie volte, una vera educazione ambientale per tutta la famiglia, nessuno escluso.

Io stesso, su richiesta di Isabel, da mesi mi impegno a non gettare mozziconi di sigarette a terra e ciò avviene: un piccolo passo sociale per noi, sperando che in Asia aumenti velocemente il senso civico ed educativo nel non gettare sempre tutto e comunque a terra.

Continua a leggere La plastica: chi la getta a terra e chi la ricicla

Di nuovo l’ecologia al centro della nostra giornata di lavoro homeschooling

Purtroppo è un dato di fatto: la cultura  per il rispetto sociale ed urbano in Asia, almeno nel sud-est asiatico, è ancora lontanissima da essere convinzione sociale e rispetto nelle città, nelle campagne, nella natura.

Se nei nostri viaggi in Asia, abbiamo trovato anche angoli ben rispettati (Sumatra, ad esempio, così come in India il solo Kerala), il resto del Continente subisce il mancato senso civico della gente.

Continua a leggere Di nuovo l’ecologia al centro della nostra giornata di lavoro homeschooling

26 dicembre 2004 una data che l’Asia e il mondo non scorderanno mai

La nostra vacanza in Sumatra si chiude con la visita di un paio di giorni della città capoluogo della Provincia di Aceh, Banda Aceh, l’avamposto settentrionale di Sumatra per quanto il km. 0 dell’isola, e di tutta l’Indonesia, sia invece Iboih sull’isola di Pulau Weh.

Consideriamo però Banda come la punta settentrionale di Sumatra: l’isola che ci ha donato otto giorni di relax e tante emozioni sotto il pelo dell’acqua è a una sola ora di traghetto.

Continua a leggere 26 dicembre 2004 una data che l’Asia e il mondo non scorderanno mai

Uno degli ultimi paradisi marini del sud-est asiatico: Pulau Weh

Nelle nostre tre settimane di vacanza in Sumatra cercavamo alcune cose specifiche: natura, popoli, cultura, natura, natura, natura …

La bellezza del lago Toba e l’emozione della jungla alla ricerca degli ultimi oranghi liberi sono state esperienze meravigliose e non da meno lo sarà la penultima tappa del nostro viaggio: Pulau Weh, l’isola (pulau) di Weh, poco distante dalle coste settentrionali di Banda Aceh (provincia di Aceh), il km. 0 dell’intera Indonesia.

Continua a leggere Uno degli ultimi paradisi marini del sud-est asiatico: Pulau Weh